Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘gabriele sandri’

11 novembre 2007  –  11 novembre 2009

 

Read Full Post »

Durante Chievo-Lazio un episodio poco piacevole è avvenuto nel settore ospiti del Bentegodi. Le telecamere di Sky hanno inquadrato più volte il settore biancoceleste, lasciato vuoto dopo pochi minuti dai circa 600 presenti. I gruppi organizzati della Curva Nord laziale al seguito della squadra espongono da sempre i propri vessilli e i propri striscioni, ma manca uno, quello più significativo: quello recante la faccia di Gabriele Sandri. Le forze dell’ordine avrebbero impedito ai supporters biancocelesti di esporlo. I tifosi laziali quindi, una volta appresa la notizia di tale veto, pare abbiano deciso all’unisono di togliere ogni tipo di bandiera e stendardo e di abbandonare la curva a loro riservata.

Fonte: tuttomercatoweb

Ogni commento crediamo sia superfluo. Sempre più spesso ci si confronta con burocrati privi di buon senso e impauriti che applicano con rigore leggi ottuse! E crediamo questo perchè non vogliamo nemmeno pensare che si tratti di cattiva fede…

Finora la commemorazione delle persone scomparse non era stata mai negata a nessuno.

Il popolo dei tifosi è privato anche del diritto alla memoria!

Read Full Post »

Freedom for fans è un blog “aperto”. Occasionalmente, pubblichiamo volentieri articoli  inviati dai nostri lettori. Questa volta  un amico esperto in materia di diritto penale, ci aiuta a comprendere la sentenza del processo Sandri: perchè il signor Luigi Spaccarotella, per ora, non andrà in carcere.  Ringraziamo l’autore dell’articolo per il prezioso contributo, complimenti per aver fornito delucidazioni in merito, con un linguaggio comprensibile ai non addetti ai lavori.

Spaccarotella condannato per omicidio colposo. Dalla famiglia di Gabriele Sandri arriva lo sdegno per l’equiparazione della posizione dell’agente Luigi Spaccarotella a quella di uno sventurato che investe in auto un passante.

La questione attiene ad uno dei punti più controversi del diritto penale, considerando anche le recenti imputazioni per omicidio volontario degli automobilisti Marco Ahmetovic (reato poi derubricato in omicidio colposo) e Stefano Lucidi (condannato in primo grado per omicidio volontario, con sentenza poi riformata in appello con mutamento del titolo di reato in omicidio colposo).

Omicidio ed omicidio colposo sono due autonome figure di reato, due fattispecie criminose diverse, costituite dalla medesima condotta, ma distinte dall’elemento psicologico.

La colpa è oggettivamente una violazione di una regola di condotta di fonte sociale o giuridica, accompagnata nel profilo soggettivo dall’assenza nel reo della volontà di commettere il fatto.

Ovviamente non sempre è agevolmente ravvisabile lo stato psicologico di colpa; esiste infatti una zona grigia nel codice in cui il confine tra colpa e dolo è labile e controverso. Se il reo, ferma l’assenza di volontà di commettere il fatto,  era consapevole della violazione della regola di condotta, lo stato soggettivo prende il nome di colpa cosciente: la possibilità che l’evento si verificasse era stata prevista dal reo che aveva tuttavia agito nel convincimento (errato) di riuscire ad evitarlo.

La vicinanza con l’elemento psicologico del dolo ( e dunque con il diverso reato di omicidio ex art. 575 c.p.) è qui assai evidente. Analizzando l’andamento dei fatti, seguendo il ragionamento dei giudici di Arezzo, Spaccarotella ha agito sapendo di violare regole di condotta sull’uso delle armi da fuoco: ha agito con imprudenza ed imperizia, essendo cosciente della astratta possibilità di provocare l’evento-morte, ma confidando che questo poi, in concreto non si sarebbe verificato. Questa errata proiezione psicologica determina l’aggravante della previsione dell’evento, a norma dell’art. 1, n.3, con una pena determinata in 6 anni di reclusione (un anno in più della pena edittale prevista per quel reato).

In attesa delle motivazioni della sentenza, deducendo che la corte non ha creduto che l’agente avesse preso la mira, la tesi dell’omicidio doloso sembra avere quantomeno pari dignità.

Non si parla infatti di dolo solo quando il reo agisce con l’intenzione di provocare l’evento. L’elemento psicologico resta di dolo anche quando il reo, pur non volendo direttamente l’evento, lo ha previsto come conseguenza possibile del suo agire e, nonostante questa previsione, ha deciso comunque di tenere quella condotta.

Nel quadro del codice penale dunque la discriminante tra omicidio –o qualsiasi altro reato- con dolo eventuale (punibile con pena non inferiore ai 21 anni) ed omicidio con colpa cosciente (punibile con reclusione di 6 anni nel massimo) è dunque costituita dalla semplice accettazione o meno del rischio del verificarsi dell’evento. Una differenza fondamentale sul piano delle pene è determinata da un qualcosa di volatile, sindacabile, controverso.

Nelle facoltà di giurisprudenza raccontano due storielle: il lanciatore di coltelli che uccide la sua volontaria ha agito con colpa cosciente, ritenendo che l’evento, in astratto possibile, non si verifichi in concreto; l’attentatore dinamitardo che piazza una carica di tritolo con finalità dimostrativa accetta invece il rischio che “ci scappi il morto” e l’omicidio sarà volontario con dolo eventuale.

Nella realtà le fattispecie non sono così nitide: la condotta di Spaccarotella si avvicina di più a quella del lanciatore di coltelli o a quella del dinamitardo?

La giurisprudenza ha usato nel corso degli anni svariate tecniche per valutare la presenza di un fattore così vago quale è l’accettazione del rischio.

Un primo criterio, quello della cosiddetta formula di Frank, attesta che si avrebbe dolo eventuale se il reo avesse deciso di agire ugualmente, anche se avesse avuto la certezza, prima dell’azione, che la sua condotta avrebbe portato alla produzione dell’evento. Utilizzando questo criterio potremmo propendere per una responsabilità di Spaccarotella a solo titolo di colpa. Trattasi tuttavia di un teorema fallace, innanzitutto per via del difetto di agire a livello ipotetico, che lo rende difficilmente applicabile in taluni fatti concreti.

Altre dottrine abbandono il riferimento esclusivo all’elemento volontaristico individuando il discrimine tra dolo eventuale e colpa cosciente nella diversa qualità del rischio doloso rispetto a quello colposo: il rischio doloso sarebbe un rischio di tale livello che non potrebbe neppure essere preso in considerazione da un modello sociale di riferimento. In questo modo chi corre ai 200 km/h in centro, esce dal modello sociale-automobilista, correndo un rischio eccessivo, tale da far considerare un suo incidente un caso di omicidio volontario con dolo eventuale. Anche sparando ad altezza umana verso una vettura poco distante equivarrebbe dunque ad uscire dal modello di riferimento-tutore dell’ordine: si tratterebbe di un rischio inaccettabile per chi appartiene a questa categoria, un rischio che non potrebbe essere corso e che farebbe inevitabilmente scivolare la fattispecie nel dolo.

La distinzione tra dolo eventuale e colpa cosciente, con tutte le diversissime conseguenze in termini di pena, costituisce un punto critico del sistema. Esso potrebbe essere utilizzato come strumento di adeguamento del diritto ad esigenze specifiche di giustizia sostanziale. Il timore è che invece in questo caso, l’elasticità normativa sia stata utilizzata per rendere docile, come di consueto, la giustizia nei confronti delle divise.

E non si risponda a ciò portando ad esempio gli ergastoli della Uno Bianca: lì alla sbarra non c’era la polizia, ma un branco di sanguinari esaltati. Il processo Sandri è invece diverso: si è discusso della colpevolezza di un poliziotto che ha ucciso un ragazzo nel sonno nell’esercizio delle sue funzioni.

Sul banco degli imputati non siede solo Spaccarotella ma un intero sistema, un’intera concezione della politica della sicurezza, ma anche un intero Stato che nel XXI secolo non può più prendersi licenze di illegalità per il raggiungimento dei suoi fini.

Read Full Post »

“Una versione  abborracciata  e inverosimile che arriva al parossismo. Un tentativo maldestro che lo affossa definitivamente!”

Sono le parole del pm Giuseppe Ledda, che definisce in questo modo le versioni fornite dall’agente Luigi Spaccarotella, in merito all’omicidio di Gabriele Sandri. Ed aggiunge che:

“Solo un folle avrebbe potuto correre con il cane armato e il dito sul grilletto. Si sarebbe sparato addosso. Quando si è fermato, l’agente ha di nuovo messo il dito sul grilletto”

Ledda arriva addirittura a mimare il gesto omicida compiuto dall’imputato e tira fuori una pistola in aula! E’  una Beretta, come quella in dotazione a Spaccarotella la mattina dell’11 novembre 2007. Tende il braccio e dice:

“Un braccio era teso! Non ha rilevanza se l’altra mano fosse sull’arma, o sul polso. Se no, a cosa serviva questa mano sinistra? Cos’era un saluto romano? Un saluto generico? Ma via. sono scenari ridicoli”

La richiesta di pena è di 14 anni di reclusione. L’avvocato Bagattini difensore di Luigi Spaccarotella, parla di  “governo maldestro dell’arma in dotazione. Vi sono elementi cospicui e seri per entrare nel ragionevole dubbio che la traiettoria è stata così ampiamente deviata e quindi non c’è la volontarietà” .

Il legale ha cercato di avvalersi della tesi della deviazione del proiettile contestando le perizie di parete civile opponendo il lavoro degli altri periti.

Read Full Post »

«Ho provato a fare un gesto come per farli fermare, il gesto istintivo di alzare il braccio o tutti e due, non ricordo. Mi sono reso conto che il colpo è partito quando ho sentito il rumore». Lo ha detto il poliziotto Luigi Spaccarotella stamani durante l’udienza in Corte d’Assise ad Arezzo per il processo che lo vede imputato di omicidio volontario per la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri. Prima che parlasse l’agente, uno dei difensori, Francesco Molino, ha detto che avrebbe fatto solo dichiarazioni spontanee. Quando Spaccarotella ha iniziato a parlare, il padre e la madre di Gabriele sono usciti dall’aula. L’agente ha quindi spiegato di non saper precisare se quando il colpo è partito era a fine corsa o se si era già fermato. «Ho visto l’auto partire – ha aggiunto Spaccarotella – e ho pensato: è andata bene. Non mi sarei mai aspettato nella vita di causare la morte di nessuno». L’agente ha più volte ribadito: «Non c’era la volontà di provocare la morte. Non mi aspettavo succedesse niente di tutto questo».
Ricostruendo le fasi dello sparo che uccise Sandri, Spaccarotella ha detto: «Sono arrivato affannato, anche per l’asma che mi perseguita da quando avevo 16 anni. Erano momenti concitati: lo stress, la corsa, l’asma». A quel punto una persona dal pubblico ha urlato: «Dicci la verità». La voce è stata zittita dal presidente della Corte d’Assise Mauro Bilancetti. Spaccarotella ha quindi continuato dicendo: «Non è stata una cosa volontaria, non volevo uccidere nessuno». Poi, riferendosi da quanto dichiarato dai suoi colleghi che nelle scorse udienze hanno detto che lui disse loro di aver sparato il colpo in aria, Spaccarotella ha spiegato: «Intendevo che non era rivolto contro niente e nessuno». Prima di raccontare la fase cruciale dello sparo, l’agente ha detto che aveva notato una zuffa dall’altra parte dell’ autostrada, di aver sparato un primo colpo in aria perchè lo scontro non cessava nonostante la sirena accesa, di aver visto spranghe e di aver pensato che fosse qualcosa di più grave di una zuffa e di aver quindi inseguito parallelamente il gruppo di giovani che poi sono saliti in auto partendo.

DANIELA SANDRI: “SBAGLIATO NON INTERROGARE L’AGENTE” «Sono rimasta sconcertata a non sentirlo interrogare. Se fosse onesto direbbe: ‘Ho sbagliato, pagò». Così Daniela Sandri, madre di Gabriele, il tifoso ucciso l’11 novembre 2007 ad Arezzo, ha commentato la decisione dei legali del poliziotto Luigi Spaccarotella di fargli rilasciare solo dichiarazioni spontanee, evitando così il controesame in aula. «Poteva rispondere – ha aggiunto Daniela Sandri – si doveva difendere, non mi sembra un uomo. Ho sentito dichiarazioni nelle quali si è contraddetto». Per il padre di Gabriele, Giorgio, Spaccarotella «ha voluto evitare di dire per l’ennesima volta delle bugie. Se io fossi innocente vorrei affrontare il tribunale per far capire che quello di cui sono accusato non è vero. Invece lui ha parlato di bronchite asmatica e stress, come se con questo fosse possibile difendersi». Uno dei difensori dell’agente, Federico Bagattini, ha spiegato ai giornalisti che quella delle dichiarazioni spontanee è stata una scelta dei difensori «sulla base di una valutazione sia umana, sia tecnica. Umana perchè Spaccarotella è una persona di grandissima fragilità emotiva, quindi, probabilmente non avrebbe retto il controesame. Tecnica, perchè secondo noi il processo ha offerto spunti positivi per la difesa e non ci sembrava che fosse necessario destabilizzarlo, sottoponendo l’imputato al controesame».

IL PUBBLICO GRIDA: “ASSASSINO” Al termine dell’udienza di stamani in Corte d’Assise d’Appello ad Arezzo, dopo che l’imputato Luigi Spaccarotella, accusato dell’omicidio di Gabriele Sandri, aveva rilasciato dichiarazioni spontanee, chiusa l’udienza, prima che l’agente lasciasse il suo banco, dal pubblico qualcuno gli ha urlato: «Vergognati, verme, assassino». Anche durante l’esposizione dell’agente, una persona del pubblico aveva gridato: «Dicci la verità», ma era stata subito zittita dal presidente della Corte Mauro Bilancetti, che qualche minuto prima aveva invitato ad uscire una persona che stava mostrando una foto di Gabriele Sandri. Prima delle dichiarazioni spontanee dell’agente, avevano parlato due colleghi di Spaccarotella e poi il medico legale di parte civile, Costantino Cialella. Quest’ultimo aveva spiegato che analizzando i fori di ingresso del proiettile nel collo di Gabriele Sandri e il foro del vetro, oltre alla velocità con cui viaggiava lo sparo, si deduceva che prima di raggiungere Sandri il colpo aveva impattato solo contro il vetro dell’auto e la catenina che Gabriele portava al collo, escludendo di fatto la deviazione della rete dell’autostrada. Davanti al tribunale sono stati appoggiati in terra tre striscioni con scritto: «Bronchite asmatica + stress = il vostro certificato per uccidere. Vergognatevi».

fonte: Leggo online


Read Full Post »

Campionato di serie A, il meglio ed il peggio della trentaquattresima giornata, sul palco di San Siro, in occasione di Inter-Lazio.

Spesso le prodezze dei giocatori in campo, coincidono con episodi incresciosi e da stigmatizzare con protagonisti i tifosi. Questa volta siamo di fronte all’esatto contrario. La curva interista dedica una coreografia a Gabriele Sandri, Ibrahimovic segna ed esulta sotto la Nord facendo gesti abbastanza eloquenti.

Da un lato i valori dell’amicizia, del ricordo di chi non è più tra noi, la passione disinteressata.  Dall’altro il comportamento becero e volgare di un presunto fuoriclasse, che guadagna milioni di euro a stagione e che non ha rispetto per il proprio datore di lavoro: il pubblico. Sì, perchè senza i tifosi, il calcio non avrebbe alcun valore, tantomeno economico.

Il mercenario Zlatan, modello di tanti giovanissimi si permette il lusso di oltraggiare la tifoseria e tutti coloro che hanno, con onore,  indossato la maglia dell’Inter, in primis il compianto Giacinto Facchetti, vero campione dentro e fuori dal campo.

A peggiorare la situazione Mourinho che anche stavolta perde l’occasione di stare zitto : “Il gesto non è dei più felici, un minimo di comprensione va però data a chi ha fatto tanto per l’Inter … fa un lavoro incredibile e non meritava i fischi. I tifosi non devono chiedere scusa a Ibra, che a sua volta non deve chiedere scusa ai tifosi. Il gol sancisce la pace” Altro che comprensione, la società dovrebbe multare pesantemente Ibra ed obbligarlo a chiedere umilmente perdono ai  tifosi dell’Inter!

Di fronte alla coreografia per Gabriele ed al gesto di Ibrahimvic, possiamo con maggior forza affermare che la parte sana del calcio sta sugli spalti!

Read Full Post »

Ciak, si gira in hotel  L’ultimo ultras Il film di Calvagna intende aprire uno squarcio inedito sul mondo dei supporter. Altre riprese saranno fatte a Bardolino e Calmasino Sul set allestito al Gardesana Mauro Meconi, Rossella Infanti e Giulia Gorietti Domani è atteso Shevchenko che nel film interpreterà se stesso

Si intitola «L’ultimo Ultras» e promette di descrivere la piaga della violenza negli stadi e di «aprire uno squarcio inedito sul mondo dei supporter organizzati per le trasferte attraverso l’Italia, senza alcuna censura, mediazione o attenuazione di toni». Queste sono le «garanzie» che Stefano Calvagna, regista, sceneggiatore e produttore del film, si sente di dare al pubblico che andrà al cinema a vedere la sua ultima fatica. Del cast fanno parte Mauro Meconi, noto al grande pubblico grazie a «Tre metri sopra il cielo», Rossella Infanti, già sul set di Federico Moccia con «Scusa se ti chiamo amore», e Giulia Elettra Gorietti, che a soli 21 anni ha già recitato in diversi pellicole, come «Ho voglia di te», «Ti amo in tutte le lingue del mondo» e «Caterina va in città». Nel film ci sarà anche il calciatore del Milan Andriy Shevchenko, che interpreterà sè stesso. Il calciatore arriverà a Torri lunedì, dopo gli allenamenti, e in serata girerà alcune scene. Poi il set sarà spostato a Bardolino e a Calmasino. «La pellicola avrà un forte impatto sociale perchè descrive non solo come e da cosa possa scaturire la violenza negli ultras», spiega il regista, «ma anche la vita, i sentimenti, le relazioni amorose che gli ultras, che sono persone e non delinquenti, hanno al pari di tutti gli altri». Una promessa, quella di avere un forte impatto sociale, che sarà rispettata dato che, come ha illustrato Diego Biello, responsabile dell’associazione «Cinema giovane» «il film è stato in parte finanziato dalla Regione Veneto che, con un bando, ha assegnato alla Cinema Giovane l’incarico di mandare un messaggio educativo ai giovani». La scelta della location sul Garda e, in particolare a Torri, nasce proprio dall’indicazione di Biello a Calvagna, come il regista conferma. «Inizialmente avevamo preso accordi con la sponda bresciana», racconta l’autore di «Il lupo» (2006) e «Il peso dell’aria», «ma poi, quando Biello mi ha chiesto di fare un sopralluogo a Torri, ho capito che questo porto e questo albergo erano perfetti per la sceneggiatura». E l’Hotel Gardesana del patròn Mirco Lorenzini, dove ieri mattina sono state girate le scene, sul lago detiene una sorta di «record» dato che, lo scorso anno, ha ospitato anche le riprese del film a puntate «I Cesaroni» e, in passato, ha ospitato «Il Gioco delle coppie» e «La domenica del villaggio» per Mediaset. «Il film è una sorta di tributo indiretto al mio grande amico Gabriele Sandri (il tifoso laziale rimasto ucciso l’11 novembre scorso dal colpo di pistola esploso da un poliziotto in un autogrill nei pressi di Arezzo, ndr) che aveva anche suonato al mio matrimonio ed eramio amico da una vita», confessa Calvagna lasciando trasparire una rabbia e un dolore non ancora sopiti. «Anche se non si parlerà direttamente di Sandri», prosegue il regista, «ne “L’ultimo ultras” voglio fare capire a tutti che è ora di riflettere sul perchè ci sia questa violenza negli stadi. Ma, soprattutto, voglio che la gente conosca questi tifosi, sappia che hanno un cuore e una vita come gli altri. Si deve invece riflettere sul perchè accadono le cose, non solo su chi sia colui che va in trasferta». La storia è quella di un tifoso, interpretato dallo stesso Calvagna, che accidentalmente uccide un ultrà rivale durante una partita di calcio a Milano. Fuggito da San Siro, l’omicida si rifugia sul Garda in un albergo. Qui conosce e si innamora di una donna, interpretata da Francesca Antonelli che, alla fine, si rivela essere la madre del tifoso ucciso proprio dallo stesso fuggitivo. «Il finale non ve lo racconto altrimenti nessuno poi verrà a vedere un film per cui già mi prendono in giro, perchè ne sono regista, sceneggiatore, attore e produttore. Insomma: “me la canto e me la suono da solo”», ironizza Calvagna con inconfondibile accento romano.Una curiosità: a quanto è trapelato Shevchenko nel film sarà protagonista di un’emblematica discussione col tifoso-omicida. Un dialogo che promette davvero di fare riflettere.

Mio fratello è figlio unico perchè…non ha mai criticato un film senza prima, prima vederlo (Rino Gaetano).

Come il fratello, figlio unico del grande Rino Gaetano, non criticheremo il film di Calvagna prima di vederlo, anche se la tentazione c’è… Ci limitiamo a riportare questo articolo preso da L’arena.it e ad aspettare il ritorno di un Ultrà al cinema, proprio nell’anno in cui quello di Tognazzi diventa maggiorenne. Speriamo bene…

Read Full Post »

Older Posts »