Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘osservazioni sull’osservatorio’ Category

A quanto pare Lecce-Bari sarà una partita memorabile, per lo meno dal punto di vista burocratico.

Dopo la clamorosa decisione di chiudere le porte del via del Mare, si attende un probabile dietrofront per domani. A richiedere a gran voce la revisione di tale provvedimento Maroni in persona. Evidentemente, anche al ministro, questa resa incondizionata è apparsa come un’inaccettabile ammissione di impreparazione nella gestione dell’ordine pubblico e di totale inutilità della tessera del tifoso.

Che la tessera sia inutile e dannosa però noi lo diciamo da tempo e la riapertura dell’impianto leccese, in occasione del derby del 6 gennaio, non potrà farci cambiare idea. Anzi! Pare che a Bari ci sia stata la corsa alla sottoscrizione della Tessera proprio per assistere alla partita in casa del Lecce. Morale: si attendono fino a 16mila baresi. Non sarà stato questo uno dei motivi di tanta apprensione?

Sì perchè fino a quando la Tessera ce l’hanno pochi è tutto ok! Quando invece ce l’hanno tutti siamo punto e a capo.

Tant’è che viene da pensare: vuoi vedere che anzichè boicottarla, la migliore protesta contro la tessera sarebbe stata la sottoscrizione in massa? (è una battuta, sia chiaro!)

Ma la notizia più importante è che le certezze cominciano a vacillare. Ci si è accorti che, da quando è stata introdotta la tessera, il caos regna sovrano all’interno degli stadi italiani con i tifosi mischiati in tribuna e i pochi tesserati nei settore ospiti vuoti.  A tal proposito è previsto per fine gennaio, un incontro al Viminale in cui si discuterà, speriamo, di correggere il tiro.

Noi la ricetta ce l’abbiamo: tessera non obbligatoria, che non sia una carta di credito (esempio card del Chievo) e settori ospiti aperti anche ai non tesserati!

Non essendo imposta le società dovranno fornire concreti vantaggi per invogliare i tifosi a sottoscriverla (diritti di prelazione, sconti ecc.) Non essendo una carta di credito, il tifoso non spenderà un centesimo in commissioni. Settori ospiti accessibili anche ai non tesserati per evitare che questi vadano ad occupare i posti dei tifosi di casa. Ci vuole tanto?

Read Full Post »

LECCE – Si è concluso il vertice in Prefettura sul derby Lecce-Bari del 6 gennaio. La partita si giocherà a porte chiuse ed è il primo caso in Italia dall’inizio del campionato. Questo l’esito del vertice svoltosi in Prefettura stamattina a Lecce e terminato pochi minuti fa. La decisione è assolutamente clamorosa, in quanto mai nel corso di questo campionato era stata presa una decisione tanto severa. «Di fronte alla situazione prospettata dagli organi tecnici preposti alla sicurezza e all’ordine pubblico – afferma il prefetto Mario Tafaro – non si poteva che adottare tale provvedimento al fine di garantire il controllo della manifestazione».

IL PARERE – La riunione si è resa necessaria per organizzare l’ordine pubblico in vista di una partita ritenuta ad alto rischio. L’osservatorio sulle manifestazioni sportive, prima di Natale, aveva indicato alla prefettura di Lecce il suo orientamento: vietare l’accesso a tutti i tifosi del Bari, in conseguenza degli scontri che si verificarono nel maggio del 2008 a margine del derby di serie B e per i quali il sottosegretario all’Interno, Alfredo Mantovano, definì gli ultras biancorossi dei barbari scatenando un vespaio di polemiche. Ma la prefettura di Lecce è andata oltre la decisione dell’Osservatorio ed ha disposto le porte chiuse per la sfida salvezza del prossimo 6 gennaio.

Fonte: il corriere del mezzogiorno

Rileggiamo quanto dice il prefetto: “non si poteva che adottare tale provvedimento al fine di garantire il controllo della manifestazione” tradotto significa che non avevano alternative e che in Italia non siamo in grado di garantire la sicurezza durante un Lecce-Bari.

Un’ammissione di inadeguatezza e incompetenza a dir poco sconcertante!!!

Se alzano bandiera bianca in occasioni come questa, possiamo avere fiducia nelle stesse istituzioni quando sono impegnate in ben altri ambiti? Davvero un pessimo segnale!

Read Full Post »

Chievo-Roma 2009\2010 : 25 mila romanisti presenti sugli spalti del Bentegodi, nessun incidente!

Chievo-Roma 2010\2011 : trasferta vietata ai sostenitori della Roma.

Milan-Roma 2010\2011, partita notoriamente calda, connotata da astio tra le due tifoserie:  nessuna limitazione e biglietti acquistatabili, addirittura, anche dai tifosi non possessori della tessera!!!

Molto probabilmente, questa storia…un senso non ce l’ha!

 

 

 

 

 

 

Read Full Post »

Gli amici del sito “La Padova Bene” lanciano una campagna di mailbombing alla Uefa per protestare contro le restrizioni e i divieti che settimanalmente vengono imposti alle tifoserie italiane.

“Stanchi dei continui divieti imposti dall’Osservatorio e dal Casms, spesso con intenti punitivi e non preventivi, anche in partite che non vedono problemi per l’ordine pubblico o che addirittura vedono sfidarsi due tifoserie gemellate (sono i casi recenti di Parma-Sampdoria, Lazio-Inter o Milan-Brescia) e senza che vi sia uno straccio di spiegazione per i provvedimenti che vengono presi, abbiamo deciso di lanciare un’iniziativa mirata, informando di volta in volta l’Uefa (da sempre contraria ai “sistemi italiani” di gestire l’ordine pubblico) via mail ogni volta che escono le disposizioni dell’Osservatorio Nazionale Manifestazioni Sportive. Per far ciò è semplicissimo: basta copiare il testo qui sotto riportato (in inglese) ed inviarlo all’indirizzo info@uefa.com
Ma informare l’Uefa non basta! Il “tam-tam” mediatico deve essere martellante anche nei confronti di chi vede e finge di non vedere: i giornalisti dei principali quotidiani (sportivi e non) italiani ed i politici! Considerata l’atavica difficoltà del nostro popolo con le lingue, a loro bisognerà scrivere in Italiano! Basta inviare loro il testo che si manda all’Uefa, giusto perché siano informati…”

Questo il testo della mail inviata a info@uefa.com all’attenzione di Michel Platini:

“Signor Platini, ancora una volta La avvisiamo di quanto sta accadendo in Italia allo sport che tanto amiamo. Il Ministro degli Interni (onorevole Maroni, Lega Nord), attraverso l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, sta cercando di evitare che i tifosi che non sono d’accordo con il suo progetto della “tessera del tifoso” (una carta prepagata ricaricabile imposta ai tifosi, non regolata da alcuna legge e assolutamente inutile) possano assistere a partite di calcio, anche se NON a rischio.Vendono i biglietti creando discriminazioni territoriali. Chievo/Roma, per esempio, partita assolutamente non a rischio, che ha visto solo la scorsa stagione 20mila tifosi romanisti sulle gradinate senza alcun problema, solo pochi giorni fa è stata individuata come “partita a rischio”, cosicché i tifosi della Roma che sono residenti nella Regione Lazio non possono acquistare i biglietti. Deve sapere che i tifosi che hanno sottoscritto la “tessera del tifoso” non sono soliti recarsi in trasferta, cosìcché il risultato è che i settori ospiti degli stadi sono sempre vuoti, anche per partite non a rischio. Stanno indicando come partite a rischio anche match come Parma/Sampdoria, le cui tifoserie sono gemellate da 20 anni, solo perché i loro correttissimi tifosi hanno detto no alla tessera del tifoso. Se paragona l’affluenza negli stadi con le precedenti stagioni potrà facilmente vedere come gli stadi siano mezzi vuoti e questo è dovuto ai sistemi diabolici che hanno pensato per vendere i biglietti. In molti casi non si può comprare più di un biglietto a persona e, quando lo si può fare, bisogna portare con sé un documento in originale per ogni persona che vuole acquistarlo.Lazio/Roma è stata giocata di fronte a una Tribuna Tevere quasi vuota, anche se le relative immagini non sono state mostrate dalla televisione, perché si preferisce escludere i tifosi piuttosto che gestirli con gli usuali sistemi di ordine pubblico. Stiamo scrivendo questo per suggerire all’UEFA di monitorare con attenzione quanto sta accadendo negli stadi italiani, perché i media nazionali al riguardo tacciono. Noi crediamo che l’Italia non abbia il diritto di organizzare alcun torneo internazionale fino a che non saremo liberi di andare alle partite di calcio, così come abbiamo fatto dal 1896 fino al 2008.
Con i migliori saluti.”

http://www.lapadovabene.it/StopDivieti/stopdivieti.html

Read Full Post »

Anche stavolta l’Osservatorio gioca a dadi e dispone, tramite il Casms, divieti e limitazioni prive di senso!

Tra le cosiddette misure organizzative di rigore, da cui sono esenti i possessori della “tessera del tifoso” spiccano 

Lazio – Inter (Serie A) del 3/12/2010, divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella regione Lombardia;

Milan – Brescia (Serie A) del 4/12/2010, divieto di vendita dei tagliandi ai  residenti nella provincia di Brescia;

In entrambi i casi si tratta di un match a rischio nullo, poichè le tifoserie sono gemellate!!! Si ripete quanto già successo in Parma-Sampdoria.

Ci deve essere sicuramente un errore, penseranno in molti. Anche noi lo crediamo e speriamo che si ponga rimedio subito, anche perchè, in caso contrario, sarebbe una clamorosa ammissione di incapacità a gestire l’ordine pubblico in presenza di due tifoserie gemellate da decenni!

Read Full Post »

Halloween è passato ma al Casms sono ancora in vena di scherzi…

Dopo le fantasiose decisioni circa il derby di Roma di cui vi abbiamo già parlato, arriva il divieto di trasferta ai sampdoriani in casa degli storici gemellati del Parma!

I Boys ironizzano:

“Apprendiamo con immensa gioia che la temuta partita Parma-Sampdoria verrà vietata ai tifosi blucerchiati privi della Tessera del Tifoso. Fortunatamente la competenza dell’Osservatorio sulle manifestazioni sportive e del CASMS ha evitato un’altra domenica di tensione allo stadio Tardini. Come tutti sapranno tra le due tifoserie vi e’ un accesa rivalità da almeno vent’anni e, ogni anno veniva puntualmente riaccesa da episodi spiacevoli, specialmente fuori dallo stadio.

Impossibile dimenticare le sbandierate a centrocampo (fortunatamente poi vietate), le partitelle a calcio tra i due gruppi ultras sui campetti di periferia, le immense cene o pranzi prima o dopo la partita, le bevute in compagnia al Bar Gianni, le serate in discoteca in cui Parmigiani e Doriani si divertivano insieme, gli scambi di sciarpe fuori dallo stadio; in definitiva episodi che fanno male al calcio e allo sport! Fortunatamente tutto questo non avverrà giovedi prossimo e a questo punto ci sentiamo in dovere di ringraziare l’Osservatorio (per aver indicato Parma-Sampdoria come una partita a rischio) e il CASMS (per aver vietato la vendita dei biglietti in Liguria) per l’alto grado di competenza dimostrato.”

Mentre i parmensi non potranno trascorrere una bella giornata con gli amici doriani, saranno 1.100 i biglietti per i catanesi, provvisti di tessera, che potranno recarsi niente meno che nella odiata Palermo!

Pa…rma, Pa…lermo: ma non è che si sono confusi? Il dubbio è legittimo!

Infine un altro, di quelli che noi definiamo capolavori del surrealismo, il Casms lo realizza per Bologna-Lecce.

Se ne erano dimenticati!

E così il provvedimento di restrizione è arrivato in ritardo ed alcuni tagliandi erano già stati venduti? E ora? Nessun problema:

dal sito del Bologna

“In merito alle disposizioni del CASMS che ha limitato la vendita dei biglietti per la gara Bologna-Lecce ai soli residenti in Emilia Romagna, si rende noto che, come comunicato dalla Questura di Bologna, chi ha acquistato i biglietti prima delle ore 13 di oggi potrà accedere allo stadio anche se non residente in regione.”

Non ci resta che aggiungere: dolcetto o scherzetto?

Read Full Post »

Derby Lazio-Roma: il Casms si supera!

Libero accesso alla curva Sud per i tifosi giallorossi, in barba alle disposizioni che prevedono l’acquisto del settore ospiti ai soli possessori della tessera del tifoso.

Vendita libera in Monte Mario.

Capolavoro surrealista in tribuna Tevere: ingresso consentito solo a donne, over 60 e bambini!

Per dirla alla Di Pietro: siamo di fronte ad uno “stupro della Costituzione!”

Art.3 : “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”

A voi ogni tipo di commento…


 

Read Full Post »

Older Posts »